Italiano IT     العربية AR 简体中文 ZH-CN Nederlands NL Français FR Deutsch DE Português PT Русский RU Español ES

This  Wine  is  MINE !

“Accendi il cervello. le nuove idee nascono guardando le cose, parlando alla gente, sperimentando, facendo domande e andando fuori dall’ufficio” (Steve Jobs)

Spesso le grandi storie nascono dalla visione di un progetto, da scelte audaci, da idee innovative che trovano forma tangibile passando attraverso il vaglio delle difficoltà che comportano, mostrando la loro straordinarietà solo alla fine del percorso. Altre sono frutto della passione, dell’impegno quotidiano, delle tante esperienze vissute, della voglia di condividere quello che si conosce e che si è sperimentato.

La mia storia è una fortunata combinazione di coraggio, impegno e sentimento.

Tutto ebbe inizio 30 anni fa. Dopo una vendemmia fatta, quasi per scherzo, insieme ad amici in un’azienda di Gavi, ho avuto la possibilità di entrare nel mondo vinicolo svolgendo un lavoro principalmente amministrativo. Cominciai presto a chiedere di potermi occupare anche dei lavori della campagna e della cantina, ancora inconsapevole che a spingermi a voler conoscere a 360 gradi questo mondo, fosse la grande passione che stava nascendo in me.

Così come il germoglio attinge dall’ambiente circostante ciò di cui ha bisogno per diventare pianta, così la mia crescita professionale ha fatto tesoro delle conoscenze acquisite portandomi alla consapevolezza del rispetto che la natura merita. Da qui la mia scelta di praticare i metodi dell’agricoltura biologica e biodinamica. Il rispetto per l’ambiente, l’interazione con la natura e i suoi cicli naturali sono stati determinanti per scegliere di intraprendere questo nuovo percorso lavorativo sia in campagna che nella produzione dei vini, sotto un’etica fondata sui principi della sostenibilità, della tutela ambientale, del vigneto biologico e del vino sano e naturale.

Oggi ho pensato di fare un buon uso della mia esperienza, della passione per il vino e dell’amore per il mio territorio a favore della mia nuova “storia”.

 

Chiudi il menu